News / attualità

25 Ottobre, 2022

I MILLE, agenzia di comunicazione e studio di design indipendente associata a UNA, Aziende della Comunicazione Unite, scende in campo, letteralmente, per sostenere i valori in cui crede e creare un impatto positivo nella sua città. Il concept che aveva accompagnato il rebranding dell’agenzia, presentato ad aprile durante l’evento interno dal significativo titolo “United”, sottolineava come l’elemento distintivo de I MILLE fosse la capacità di valorizzare le differenze di ognuno, creando un team coeso grazie a valori comuni e condivisi. Ora l’agenzia ha scelto di portare questa missione anche fuori dai muri delle sue sedi e di renderla concreta con un progetto che unisce sport, comunicazione e inclusione: una sponsorship con la St. Ambroeus FC.

Nata nel 2018 e di casa nel campo del Centro Sportivo Cameroni, appena fuori dalla fermata della metro Gorla a Milano, la St. Ambroeus FC è una squadra che per la stagione 2022/23 è stata promossa in seconda categoria, ma che ai risultati calcistici affianca un primato più importante a livello sociale: essere la prima squadra composta da rifugiati e richiedenti asilo ad iscriversi alla FIGC.

Dietro gli allenamenti, le partite e una curva affiatatissima che riempie gli spalti al suono dell’inconfondibile slogan “Forza piccione”, c’è un progetto molto più ampio, che punta a favorire l’integrazione, l’inclusione e una cultura antirazzista che valorizza la diversità.

Spiega Davide Salvadori, Presidente della St. Ambroeus FC:

“L’obiettivo della nostra squadra è creare, attraverso un progetto sportivo, una comunità che sia un punto d’incontro per uomini, donne, ragazzi e ragazze con origini sparse in tutto il mondo. Il motivo per cui raccogliamo così tanto pubblico e anche tanti atleti tutte le domeniche è che non rappresentiamo solo una società calcistica, ma un ideale.”

La corrispondenza tra i valori della St. Ambroeus e l’identità de I MILLE è stata la spinta principale per la decisione di fare qualcosa di nuovo nel mondo delle agenzie: non solo la realizzazione di un piano di comunicazione, ma una vera e propria sponsorizzazione. Un progetto che è unicum nella città di Milano e che si integra alla perfezione nella trasformazione sostenibile che l’agenzia sta compiendo, e che l’ha già portata a cominciare il percorso per diventare Società Benefit.

Afferma Paolo Pascolo, CEO de I MILLE:

“Quando abbiamo scoperto la missione della St. Ambroeus abbiamo subito notato delle affinità con i valori che anche noi, come agenzia, ci impegniamo a diffondere al nostro interno e, per quanto possibile, all’esterno. Sostenere progetti di questo tipo significa prendere una posizione e cercare di avere un impatto tangibile sul mondo che ci circonda. Significa comunicare davvero, che è quello che sappiamo fare meglio. Sponsorizzando la St. Ambroeus abbiamo la possibilità di portare a terra ciò in cui crediamo di più e fare un ulteriore passo per diffondere quei concetti che riteniamo fondamentali per un mondo più giusto.”

Per il lancio della sponsorship è stato realizzato un video dal titolo “Vale + di una vittoria”, a cui hanno lavorato: Mattia Molteni, regista; Mattia Campo, direttore della fotografia; Leonardo Masoero, colorist; Luca Giuseppe Prasti, art director; Riccardo Agostinelli, motion designer; Tommaso Salvadori, musicista; Gianluca Caldara, fotografo; Assunta Decorato, copywriter.

Articoli correlati

“La felicità ritrovala qui” Il claim della campagna pubblicitaria della Valle d’Aosta per l’inverno 2022/2023 firmata da White Red & Green

01 Dicembre, 2022

Oggi, giovedì 1° dicembre 2022, nella sala conferenze della Biblioteca regionale BrunoSalvadori, l’Assessorato dei Beni...

Continua a leggere

Tuttofood sceglie Agenzia Yes! S.p.A per la digital strategy 2023

30 Novembre, 2022

TUTTOFOOD, la fiera b2b per l’ecosistema agro-alimentare, punto di riferimento nazionale e internazionale, ha scelto...

Continua a leggere

Telefono Azzurro, dalla parte dei bambini 35 anni in un racconto di Armando Testa.

30 Novembre, 2022

Telefono Azzurro racconta i suoi 35 anni di attività a supporto dell’infanzia e dell’adolescenza nella...

Continua a leggere