News / sala stampa

08 Marzo, 2021

Marianna Ghirlanda, Presidente dell’organismo, spiega come l’attenzione al tema, particolarmente delicato in questa fase, sarà al centro dei lavori di una Commissione

Il Centro Studi UNA ha istituito un Comitato, coordinato dallo stesso Presidente dell’organismo, Marianna Ghirlanda (a sua volta Ceo di DLVBBDO), per approfondire e sviluppare i temi di cui già si occupa, in particolare quello del mercato del lavoro: ma in più, quest’anno, ci sarà un focus specifico su quello del diversity & gender gap. La stessa Marianna Ghirlanda spiega il motivo di questa attenzione.

«In generale, su 101.000 posti di lavoro persi a dicembre, 99.000 erano lavoratrici femminili; per quanto riguarda il nostro settore, in una survey i nostri associati hanno dichiarato che la cura della famiglia in situazione di emergenza sanitaria ricade per il 62% sulle donne e per il 38% su entrambi i genitori: il tema è, insomma, ben lontano da una sua soluzione. C’è anche un’altra questione, non di minore importanza. Secondo l’ultimo Global Gender Gap Report del World Economic Forum, ci vorranno almeno 257 anni per colmare il gender pay gap.
Questo è inaccettabile in una società egualitaria e costituisce non solo una difficoltà per chi la vive, ma rappresenta anche un ostacolo all’entrata per le donne che vogliono affacciarsi al mondo del lavoro, ponendo una barriera psicologica che le priva in partenza di ricchezza e talento. Per tutte queste ragioni il Centro Studi mette questo tema come prioritario nell’agenda di quest’anno. Riteniamo infatti che sia rilevante per la nostra industry in quanto ci tocca in almeno due aspetti fondamentali: come aziende che impiegano personale al quale devono poter garantire pari opportunità e come agenzie che hanno molto spesso a che fare con l’ideazione, redazione e creazione di contenuti che veicolati al grande pubblico su tutti i mezzi di comunicazione influenzano l’opinione pubblica.
L’apporto che la nostra industry può dare in termini di cambio di percezione è fondamentale ed è importante non perdere tempo. I prodotti e i contenuti pubblicitari sono sempre più oggetti costruiti per entrare a fare parte delle conversazioni, siano esse fisiche o che avvengano sui social, e contribuiscono a proporre argomenti e discussioni. E in una società dove viene uccisa una donna ogni tre giorni, è evidente che il tema vada sollevato e sostenuto. Ci troviamo anche in un periodo estremamente favorevole per questo tipo di operazioni: l’emergenza Covid-19 ha sottolineato come le aziende davvero attive nelle comunità possano lanciare messaggi credibili e soprattutto efficaci.
Il Centro Studi, grazie all’impegno di Davide Baldi, ha istituito un osservatorio permanente sul mercato del lavoro che monitora, tra gli altri, temi quali l’impiego del personale femminile e gli strumenti di welfare. Dal lavoro svolto dall’osservatorio emerge che le donne impiegate nel nostro settore sono più degli uomini. Ma se spostiamo lo sguardo a livello dirigenziale, la penetrazione delle impiegate femminili si riduce drasticamente. Presto partirà la raccolta dati per la quarta edizione dello studio che sarà pubblicata insieme a quello del 2020 in un’edizione biennale».

Intervista rilasciata al Daily Media

Articoli correlati

Federico Frasson, nuovo rappresentante territoriale per il Triveneto di UNA

18 Marzo, 2021

Federico Frasson, presidente dell’agenzia Fkdesign di Castelfranco Veneto, è stato da qualche giorno nominato rappresentante UNA –...

Continua a leggere

UNA annuncia i vincitori del Premio Assorel

09 Febbraio, 2021

Different con #unabirraperdomani si aggiudica il Premio Assoluto, tre le stelle nascenti del mondo delle...

Continua a leggere

Premio Effie® 2021: aperte le iscrizioni alla terza edizione

19 Gennaio, 2021

Nuove categorie e una roadmap serrata per incoronare le campagne più efficaci di un anno...

Continua a leggere