News / attualità

22 Settembre, 2022

L’inaugurazione della nuova sede della Web Agency. Fondata e diretta da Franco Biasci. Dibix, agenzia associata ad Una, vanta la certificazione “Google Partner Premier”, riconosciuta a solo il 3% delle migliori agenzie italiane.

Se è vero che la capacità di risposta imprenditoriale alle trasformazioni del contesto economico e produttivo è indice dello stato di salute di un territorio, una buona notizia giunge allora da Cascina, dove ieri la Web Agency Dibix ha ufficialmente inaugurato, in via Ippolito Nievo, la sua nuova sede operativa.

Quindici dipendenti, un fatturato di oltre un milione di euro, il conseguimento della prestigiosa certificazione “Google Premier Partner ” – l’ambito riconoscimento va a un numero limitatissimo (3%) delle migliori agenzie Web italiane che si distinguono per performance nelle campagne Google Ads, il canale di Advertising più utilizzato al mondo e con i budget più alti), un business che coniuga l’orizzonte territoriale con quello nazionale, un parco clienti che annovera brand prestigiosi, tra i quali Treccani, Viaggi Avventure nel Mondo, Brandani. Tipiliano, Olico, Charlene, WWF, Lettera senza Busta, Kratos, Freedome sono tutti elementi che segnano il percorso evolutivo della Dibix e che ne fanno oggi una realtà solida, credibile e conosciuta, con una marcia in più rispetto alla concorrenza.

Franco Biasci, il titolare dell’agenzia, è l’esempio di come fiuto, tenacia, capacità di assunzione e gestione dei rischi possano confluire in un percorso imprenditoriale di successo, che ha portato un’agenzia cascinese a competere alla pari con le grandi agenzie del settore. Nato a Cascina 55 anni fa, sposato con due figlie, Biasci fondò insieme a 4 amici la Dibix nel 2000, puntando su un settore allora agli albori, quando ancora non esistevano i social e gli ordini tra le aziende arrivavano ancora via Fax. All’inizio il core business era costituito principalmente dallo sviluppo di siti web, E-Commerce e portali, ma un po’ per volta, con l'aumento progressivo dei budget pubblicitari dedicati al digital marketing, il fatturato andò concentrandosi  sempre più su questo canale.

La svolta ci fu nel 2015 – osserva Biasci. “In quel periodo le dimensioni, l’approccio al mercato, i metodi lavorativi dell’agenzia richiedevano una  trasformazione che fosse anche una risposta in tempo reale al mutamento delle dinamiche del business digitale. Non era il caso di temporeggiare oltre. Decisi di rilevare le quote degli altri soci e di prendere in mano l’azienda,  quella profonda ristrutturazione si è rivelata la scelta giusta..”

In Biasci lo spirito imprenditoriale convive con un lato idealista, che si rivela ad esempio nella scelta di mantenere ben radicata la Dibix a Cascina, il paese dove è nato e al quale è affezionato. 

“In effetti – dice Franco - oggi potremmo lavorare ovunque in smart working, come molte volte accade, tra noi c'è chi lavora dalla Polonia o dalla Turchia, o chi come Fabio Antichi, - lo specialista di Google Ads e SEO, influencer riconosciuto a livello nazionale – ha contribuito molto alla nostra crescita aziendale da una postazione itinerante, ossia quella del camper in cui ama vivere e lavorare ogni giorno da una location diversa. Una Casa Base rimane però, almeno per me, fondamentale. Un saluto e due chiacchiere sotto i portici, una pausa pranzo o un aperitivo serale consumati in compagnia, godendo di uno dei suggestivi scorci del centro storico di Cascina, sono per me quei piccoli piaceri che ingentiliscono la quotidianità e che in più aiutano con naturalezza a fare squadra”.

Il saldo ancoraggio a Cascina della Dibix si conferma anche ora che l’aumento delle proporzioni aziendali  ha reso necessaria l’individuazione di una sede più spaziosa. 

I nuovi uffici di via Nievo custodiscono  tra l’altro una “storia tutta cascinese”, curiosa e per certi versi emblematica. Qui infatti dagli anni ’60 e fino alla scomparsa, avvenuta nel 2009, operò il prof. Renzo Nannipieri uno dei progettisti più noti ed attivi nel settore dell’Industrial Design italiano. Anch’egli cascinese, anche lui figlio di tempi di trasformazioni. La vocazione mobiliera produttiva di Cascina si stava allora progressivamente spegnendo, ma una nuova generazione di disegnatori cascinesi seppe rispondere conquistando il podio della progettazione nell’industria del mobile italiana. 

Avere consapevolezza di chi e cosa a Cascina  ti ha preceduto ci fa sentire parte di una storia più ampia ed è uno sprone a lavorare al meglio delle nostre capacità – commenta il patron della Dibix – , “tra l’altro, la scelta e le cure dedicate alla riqualificazione di questo storico studio di design cascinese hanno per me una connotazione affettiva particolare, trattandosi dello studio creato a suo tempo da mio suocero Renzo”. 

All’inaugurazione dei nuovi uffici della Dibix, oltre al Sindaco Betti e sono intervenuti il vice sindaco Cristiano Masi e il direttore dell’ufficio stampa Igor Vanni. e naturalmente i dipendenti al completo.

Francesco Sani, coordinatore regionale di Una per la Toscana dichiara che “avere in Una realtà così vive e genuine come Dibix è motivo di orgoglio ed è una spinta a fare sempre meglio per offrire a queste aziende più possibilità di crescita e di confronto. Franco è davvero un esempio unico e di grande valore, come anche tutti i suoi collaboratori ”

Articoli correlati

NFType: la mostra virtuale di Lorenzo Marini dedicata alla NFT Art

30 Settembre, 2022

A partire da mercoledì 28 settembre è online ‘NFType’, la mostra di Lorenzo Marini dedicata...

Continua a leggere

“I Magnifici” sono solo da Euronics! Agenzia creativa: Wunderman Thompson.

30 Settembre, 2022

Un’occasione imperdibile quella offerta da Euronics con la campagna promozionale in partenza da oggi: “I...

Continua a leggere

Ad Store e IMCD Italia insieme per comunicare inclusività e innovazione ai giovani studenti di Milano

30 Settembre, 2022

Innovazione, empowerment giovanile, inclusività. Questi i pilastri di IMCD Stem Lab, il progetto pilota che...

Continua a leggere

Consorzio Tutela Grana Padano abbraccia i valori italiani con la regia del Premio Oscar Giuseppe Tornatore e la musica del Maestro Ennio Morricone. Progetto di Serviceplan Italia

30 Settembre, 2022

“Un’emozione italiana” è la nuova piattaforma di comunicazione internazionale del Consorzio Tutela Grana Padano. Serviceplan Italia ha sviluppato...

Continua a leggere