News / attualità

29 Novembre, 2023

Ancora molto lavoro per migliorare l’inclusività della Industry italiana del marketing e dell’advertising, con una situazione più critica per le donne. Si riconoscono alcuni progressi delle aziende, ma quasi la metà degli intervistati crede siano necessarie ulteriori azioni

UNA – Aziende della Comunicazione Unite – ha esposto oggi i risultati della ricerca mondiale WFA relativi all’Italia, condotta da Kantar nei mesi di marzo e aprile 2023. Grazie al sostegno di oltre 160 associazioni che operano a livello globale, regionale e locale, questa è stata la più grande collaborazione nella storia del settore marketing. Il sondaggio ha coinvolto, infatti, quasi 13 mila intervistati sparsi in 91 Paesi, con un’analisi approfondita di 33 mercati.

In un settore già poco inclusivo, l’Italia emerge come un territorio ancor meno inclusivo: il Bel Paese si colloca al di sotto del benchmark globale dell’Inclusion Index (59% contro il 63% a livello mondiale). Driver di questo fenomeno sono il modesto senso di appartenenza, pari al 64% rispetto al dato global di 69%, e la presenza di comportamenti discriminatori del 21%, due punti più alto rispetto al global benchmark di 19%. Situazionei entrambe più critiche per le donne.

L’indagine si basa su cinque differenti dimensioni relative alla diversità, quali genere, etnia, orientamento sessuale, religione e disabilità, ma l’esito dell’indagine mostra che le aree in cui la discriminazione si manifesta maggiormente all’interno del luogo di lavoro sono quelle legate a:

  • genere (come vissuto personalmente o osservato sul posto di lavoro dal 16% degli intervistati, percentuale che sale al 21% tra le donne mentre si ferma all’ 8% tra gli uomini);
  • età (sfera di discriminazione vissuta dal 13% delle persone, in particolare dal 15% delle donne e dal 10% degli uomini);
  • le responsabilità familiari (motivo di penalizzazione vissuto dal 14% dei rispondenti, che sale al 18% tra le donne e si ferma al 9% per uomini).

A subire maggiormente discriminazioni di genere è, come si può immaginare, il comparto femminile: l’8% delle donne intervistate ha dichiarato di aver subito personalmente discriminazioni di genere nella propria azienda, contro l’1% degli uomini; il 15% di donne invece ha osservato discriminazioni basate sul genere nei confronti di altri nella propria azienda, dato raddoppiato rispetto al 7% degli uomini. Che il genere possa ostacolare la carriera nella propria azienda è il pensiero del 44% delle donne che hanno risposto al sondaggio, rispetto al 13% degli uomini. Inoltre, solo il 16% di donne crede ci sia parità di salario rispetto ai colleghi maschi, contro al 28% di uomini.

Un altro dato da non sottovalutare è quello relativo alla salute mentale e su come questo tema non venga gestito adeguatamente dalle aziende. Più della metà degli intervistati sostiene di essere molto stressato sul luogo di lavoro e solo il 22% crede che la propria azienda sia attiva al fine di ridurre al minimo il rischio di malessere rispetto alla salute mentale. Un malessere da non sottovalutare invece, dal momento che il 31% dichiara che il proprio lavoro ha un impatto negativo sulla propria salute fisica.

Pur riconoscendo che la propria azienda abbia intrapreso attivamente un percorso per essere più inclusiva (72%), il 43% degli italiani intervistati percepisce dei miglioramenti nel comparto rispetto agli ultimi due anni, mentre il 35% ritiene che le condizioni siano rimaste invariate e il 44% sostiene siano necessari ulteriori sforzi.

“Ciò che emerge da questo quadro è una Industry che si è resa consapevole dei cambiamenti necessari al proprio interno”, commenta Davide Arduini, Presidente di UNA. “Tuttavia, come viene mostrato dai dati della ricerca, è necessario migliorare alcuni aspetti affinché il luogo di lavoro all’interno delle aziende di comunicazione diventi spazio di maggiore condivisione, condannando ogni forma di discriminazione”. 

“Questa indagine mostra dati relativi a un tema, purtroppo, più che mai attuale, quello del gender gap, che in Italia è particolarmente radicato”, spiega Marianna Ghirlanda, Presidente del Centro Studi UNA. “Da questo studio si traggono alcuni punti che sottolineano la profondità di questa problematica. Le lavoratrici italiane riconoscono la presenza di una discriminazione di genere sul luogo di lavoro, che ostacola loro l’ascesa di carriera, oltre al divario retributivo con i colleghi maschi; ciò le porta ad avere un senso di appartenenza alla propria azienda inferiore rispetto agli uomini. Un altro elemento fondamentale che emerge dai risultati è il tema delle responsabilità familiari che impattano sulla carriera, principalmente delle donne”.

Global DEI Census 2023 - Italy

Articoli correlati

Mediaplus Italia e Mediaplus Realtime presentano soluzioni cookieless innovative allo IAB Interact 2024

17 Maggio, 2024

Mediaplus Italia, in collaborazione con Mediaplus Realtime, parteciperà alla prestigiosa convention IAB Interact 2024, che...

Continua a leggere

Eprcomunicazione comunica l’Organismo Congressuale Forense

17 Maggio, 2024

Eprcomunicazione SpA Società Benefit è stata selezionata dall’Organismo Congressuale Forense -OFC per lo sviluppo integrato di...

Continua a leggere

Next14 si unisce a Different in Sae Communication

16 Maggio, 2024

Nasce la più grande agenzia indipendente integrata, a capitale italiano. Oltre €75 milioni di ricavi,...

Continua a leggere