Idee Vincenti

Una rubrica a cura di Davide Boscacci


Ti è piaciuta questa edizione? Facci sapere cosa ne pensi!
Iscriviti alla nostra newsletter per non perderti le prossime uscite!

Il cavolo che ci fa Balenciaga con i Simpson.

È dura ma è così: il lavoro più interessante dell’ultimo mese non viene da un’agenzia ma da un brand di moda. È dura perché, diciamoci la verità, noi pubblicitari mass market abbiamo sempre guardato con sospetto la comunicazione di moda. In fondo sono due industry che si parlano poco e si amano ancora meno: da una parte grandi strategie di brand, insight, guideline, ricerche, dati, planner, format e tagline. Di là direttori creativi capricciosi, fotografi volubili, poche regole se non l’istinto. Di qua messaggi passati per decine di focus group, di là pensieri in libertà di chi non vuole essere necessariamente capito ma semplicemente adorato. Distanze.

Poi mentre stai litigando sulla grandezza del logo succede che il mondo cambia e tutto diviene fluido, non solo i generi.  Così alcuni brand iniziano a muoversi alla velocità della luce (o per lo meno a quella del target), inserendosi nelle discussioni, nei trending topic, nel tessuto della pop culture. Tutto è gioco (lettura consigliata: Baricco, The Game), coi social i gradi di separazione diminuiscono e finisce che succedono cose bizzarre. Ad esempio che un brand di brand di spedizioni si inventi una collaborazione con una casa di moda (guardate cosa sta facendo DHL), o che zoccoli si mischino col pollo fritto (Crocs + KFC), che Gucci firmi una Hot Wheels, o ancora che Balenciaga flirti con la Fox e produca un episodio dei Simpson (guarda il video). 

Certo, forse non la migliore puntata di sempre, ma oggi done is better than perfect. L’importante è la news, l’evento, la provocazione, il divertissement. Sgancia la bomba e scappa. I commenti online sono il nuovo focus group, più rischioso, forse, ma estremamente più veloce e veritiero. E via verso verso la prossima idea o la prossima collab, con la tipica leggerezza e libertà della moda. Quella stessa leggerezza e libertà che anche noi e i “nostri” brand dobbiamo, almeno in parte, recuperare.

Davide Boscacci

Consigliere UNA

Global Executive Creative Director Publicis

Leggi l’intero numero di questa newsletter