News / attualità

27 Luglio, 2021

Il Complesso Museale Santa Maria della Scala ospita “Di Segni e Di Sogni”, un viaggio immersivo tra le lettere liberate nelle loro forme più diverse. Non una mostra tradizionale ma un percorso esperienziale attraverso cinque installazioni, l’ultima delle quali nella Piazza del Campo. La mostra si compone di sei “momenti”, tra cui una personale che vede esposte 22 opere mixed media on canvas; un’esposizione che comprende le ricerche iniziali sul type e sugli alfabeti, un’esplorazione dunque dell’intero percorso artistico di Marini.

Le altre cinque installazioni rappresentano storie visive dell’alfabeto ricreato.

A partire da “MirrorType”, un cubo specchiato di quattro metri per quattro, al cui interno sono esposte le “lettere Narcise” che ci raccontano il tempo di oggi, quello dell’apparenza, della superficialità, del narcisismo.

Per arrivare a “MonoliType”, un monolite che si accende e si spegne dopo secoli di silenzio, un’installazione in cui l’arte lascia la bidimensionalità per creare un percorso obbligato, al pari della scultura, ricco di citazioni cinematografiche.

Una rappresentazione della tastiera Qwerty portata a una dimensione cento volte maggiore e una pioggia di settemila lettere che rappresentano i nostri pensieri inespressi.

Tutte le installazioni immersive comprendono una colonna sonora appositamente creata da Mariella Nava, una tra le più sensibili autrici di musica italiana.

Il curatore Luca Beatrice scrive: "Nell’arte di Marini siamo noi a scegliere, a entrare nel meccanismo tentando in qualche modo di ricomporlo e di dare senso a un’esperienza.

Elegante, divertente, esplosiva, riflessiva, la sua poetica ridisegna e ridipinge i confini dell’universo, ponendo l’attenzione sulle regole del comunicare, dove lo sforzo è superarle alla ricerca di nuovi alfabeti, misteriosi e infantili, concettuali e ludici”.

La mostra rimane aperta tutta l’estate, fino al 20 ottobre. Fortemente voluta dal sindaco Luigi De Mossi, questa esposizione vuole creare un rapporto tra la tradizione della città e la contemporaneità del nostro quotidiano, tra lo spazio eterno che la ospita e il tempo di oggi, tra gli antichi materiali utilizzati nell’arte del passato e i nuovi materiali utilizzati per le creazioni artistiche più moderne.

Una mostra dunque che chiede ai visitatori di essere parte attiva della composizione.

Un inno alla liberta delle lettere “che sono nate libere e come gli uomini sono creature sociali ma anche individuali”, Lorenzo Marini.

Articoli correlati

Rete! In arrivo la terza edizione dell’evento dedicato al networking promosso da UNA all’IBM Studios a Milano

23 Maggio, 2024

Gli IBM Studios di Milano in Piazza Gae Auelenti saranno ancora una volta il teatro...

Continua a leggere

Hotwire annuncia un nuovo team globale dedicato a innovazione e IA, nuove soluzioni e servizi di consulenza a tema Intelligenza Artificiale

22 Maggio, 2024

Hotwire, società di consulenza globale in materia di comunicazione e marketing, ha annunciato il nuovo...

Continua a leggere

Yam112003 e Beko rinnovano la collaborazione per il 2024 e danno il via alla campagna “Casa Beko

22 Maggio, 2024

YAM112003 annuncia il rinnovo della collaborazione con BEKO per l'anno 2024 e dà il via...

Continua a leggere

Grey e Istituto Ganassini di nuovo insieme per il rilancio di Vitamindermina

22 Maggio, 2024

La sensibilità ci rende più fragili, più delicati e vulnerabili. E se parliamo di pelle,...

Continua a leggere