News / attualità

12 Gennaio, 2021

Mare Aperto torna in televisione, con Lorenzo Marini Group, e lo fa con il nuovo concept “Verità”, veicolato su un ecosistema di comunicazione multi-channel: TV, digital, punti vendita, stampa, solo in questa prima fase. L’obiettivo consiste nel raccontare il nuovo posizionamento del brand attorno al tema della sostenibilità, che prende forma nel programma di Responsabilità Sociale d’Impresa We Sea.

Alla base della nuova comunicazione del brand genovese c’è la forte consapevolezza che l’industria conserviera non può prescindere dai temi di trasparenza e sostenibilità. I consumatori italiani sono sempre più informati e attenti alle tematiche ambientali, la scelta d'acquisto non è più dettata solamente dal sapore dell’alimento, ma diviene anche l’espressione dei propri valori. E la nuova campagna di Mare Aperto si ispira proprio a questi valori che spingono il consumatore moderno all'acquisto.

Il programma We Sea prevede cinque linee d’azione, in base agli impegni presi dalla casa madre Jealsa fin dalla sua nascita, nel lontano 1958:
– We Buy & Sea: Pesca e Acquisti 100% responsabili
– We Control & Sea: Politica di Qualità
– We Care & Sea: Energie Rinnovabili ed Ambiente
– We Respect & Sea: Responsabilità Sociale
– We Invest & Sea: Economia Circolare

Su questo poggia il tema della “Verità”, un concept di comunicazione finalizzato rimarcare che Mare Aperto tratta la sostenibilità a 360 gradi e in questo è inclusa tutta la gamma di prodotti, non solo una parte.

La “Verità” diventa il filo conduttore della narrazione, che mette in luce le scelte responsabili e l’impegno di Mare Aperto a generare benessere per le persone, la società ed il pianeta.

“L’azienda è cresciuta costantemente in questi anni ed abbiamo ormai una customer base molto consolidata, soprattutto in alcune aree del paese, tanto che a giugno il nostro tonno in olio di oliva (80x3) è risultato il secondo prodotto più venduto in termini di numero di pezzi nel mercato delle conserve ittiche”- spiega Costanza Levera, Marketing & Communication Manager di Mare Aperto  - “Offrendo valori differenzianti, permettiamo al consumatore di vivere l’esperienza di un pasto a base di tonno in modo più coinvolgente, perché diventi un momento in cui può contribuire, con il suo singolo, semplice gesto di acquisto, al bene del pianeta”

Sulla base di questo, è stata costruita una nuova immagine coordinata con conseguente restyling del packaging, così come del logo, a cui è stato affiancato il pay-off “Buono col mare”, per rendere immediata la comprensione da parte di tutti gli stakeholder del valore fondante dell’ impegno quotidiano del brand.

Il nuovo packaging non solo è del tutto riciclabile, ma anche certificato FSC per la parte dei cluster in cartoncino, quindi proveniente da foreste gestite responsabilmente. E’ stato adottato un approccio clean label. Oltre all’esplicitazione, ai fini della trasparenza, dell’area e metodo di pesca, la lista degli ingredienti diventa essa stessa il nome del prodotto sul fronte: consumatore, sa subito cosa compra.

Dal punto di vista del prodotto, inoltre, tutta la gamma è resa più forte dalla certificazione Friend of the Sea e sono state ultimamente introdotte anche una referenza "pescato a canna" con olio extra vergine di oliva biologico (solo un filo, per ridurre lo spreco e combattere la brutta e poco sostenibile abitudine di gettarlo nel lavandino…) e una al naturale, certificata MSC.

“Diamo così una risposta forte alla presa di coscienza da parte del consumatore sugli aspetti relativi alla salubrità degli ingredienti e alla trasparenza. Essere sinceri, trasparenti e concreti nell’approccio con il consumatore è diventata una conditio sine qua non per le aziende, se vogliono riuscire a convincere consumatori sempre più scettici e sempre meglio informati al tempo stesso”, spiega Costanza Levera.

“A sostegno della campagna, è previsto un importante piano di advertising: solo nelle prime 3 settimane di gennaio, 9 milioni di responsabili acquisto vedranno il nostro spot TV per 10 volte ciascuno, per un totale di 1.020 spot erogati per il 33% in prime time e per il 100% in posizione speciale. Abbiamo costruito un film valoriale, supportato da campagna stampa e digital, - continua la responsabile Marketing & Communication di Mare Aperto - un progetto multicanale pensato con l’obiettivo di diffondere l’universo di valori che guidano il nostro operato e di stabilire una profonda relazione di fiducia con il consumatore.”

Lo spot, in onda dal 3 gennaio sui canali RAI, Discovery e Sky, verrà trasmesso in apertura di alcuni dei programmi più apprezzati del palinsesto televisivo: per il primo flight, godrà una programmazione complessiva di 6 settimane, fino a fine febbraio.

Lo storytelling, già declinato su Corriere della Sera e Repubblica con una pagina doppia, continuerà su digital e social media, con un importante investimento, nonché sul punto vendita, secondo un sistema di comunicazione integrata.

Guarda il video

Articoli correlati

Online il nuovo MedVoice di Bayer, rinnovato da Different per comunicare l'impegno dell’Azienda verso tutti gli specialisti della salute.

27 Gennaio, 2021

Bayer, azienda leader nel settore della Salute, sceglie Different, la communication Company caratterizzata da una...

Continua a leggere

Mulino Bianco con Publicis Italia continua la scoperta delle piccole cose che ci rendono felici

26 Gennaio, 2021

Continua nel 2021 il format di comunicazione di Mulino Bianco, ideato da Publicis Italia, che...

Continua a leggere

MediaMarkt e il Gruppo Armando Testa portano la “M” di MediaWorld in tutta Europa

26 Gennaio, 2021

È successo di nuovo. Dopo aver conquistato il mercato italiano, la campagna di MediaWorld “Fatto apposta...

Continua a leggere

Nilox e Celly comunicano con Hotwire

26 Gennaio, 2021

Hotwire, agenzia di comunicazione globale, annuncia l’avvio della collaborazione con i brand Nilox – uno dei nomi...

Continua a leggere