News / attualità

21 Marzo, 2017
Il 21 marzo del 1997 il primo team di OMD entrava ufficialmente negli uffici di via Forcella a Milano. Sono passati vent'anni e per l’occasione ieri sera, come anticipato martedì, l'agenzia di Omnicom Media Group guidata dal managing director Graziana Pasqualotto ha festeggiato il compleanno con un evento riservato ai dipendenti ai clienti e ad alcuni partner storici dell’azienda.





Una festa nel segno della parola chiave 'Together', ci ha spiegato la manager, che ha voluto riunire tutto lo staff e non solo, in un momento celebrativo.





Per l'occasione, abbiamo chiesto al managing director di tracciare un bilancio della società in questi primi 20 anni.





"Certamente è un bilancio molto positivo: siamo partiti in 23 ed oggi siamo oltre 200. Un organico si è ampliato in linea con la sempre maggiore complessità del media, che inizialmente vedeva protagoniste sopratutto tv e stampa mentre oggi rappresenta un universo molto più articolato di mezzi e strumenti " ha dichiarato Pasqualotto. "In questi due decenni OMD si è trasformata da piccolo centro media a una grande agenzia di comunicazione, marketing e performance, impegnata in una sempre maggiore integrazione di dati e mezzi per garantire ai clienti le migliori performance, sia sul digital, di per sé già facilmente misurabile, che su tutti gli altri mezzi pianificati. Proprio l'area del digitale è al centro di un significativo sviluppo, così come quella legata alla gestione dei dati, complice l'assunzione di importanti figure di analyst, ingegneri ed esperti. Senza tuttavia dimenticare la componente tradizionale del media, che in Italia resta preponderante".





Quali le parole chiave di OMD oggi? "Tre - risponde Graziana Pasqualotto - : creatività, intesa non semplicemente come advertising ma come capacità di interpretare efficacemente i dati e di proporre ai clienti strategie integrate contenenti tutte le leve attivabili per realizzare una comunicazione. Da qui la seconda parola chiave, Insight, e la terza, business, poiché al centro della nostra attività c'è il business dei clienti".





Parlando di business, nel 2016 OMD ha registrato un incremento del 15% del fatturato, grazie soprattutto a due fattori: "importanti new business come Ferrovie dello Stato, Poste Italiane e BET365, acquisito dalla sede di Roma, e il maggior investimento di alcuni clienti in portfolio".





Per quest'anno, gli obiettivi sono ancora ambiziosi: "puntiamo ancora a un incremento double digit, grazie anche alla spinta, come detto, del business legato al digitale e ai dati".





L'anno sarebbe iniziato in maniera molto positiva per OMD che sarebbe stata riconfermata, dopo una gara, agenzia media di H&M per l'Italia e si sarebbe aggiudicata l'incarico per il media globale di Luxottica.





Con l’occasione dell’anniversario, ricordiamo, l'agenzia ha progettato il restyling degli uffici di via Spadolini a Milano. Spazi più aperti, più aree di lavoro comuni dove condividere i progetti e una stanza speciale: il giardino del silenzio, un luogo dove potersi isolare e disconnettere per trovare la giusta ispirazione e generare nuove idee. Anche la sede romana di OMD ha recentemente rinnovato gli spazi lavorativi in occasione del trasferimento nei nuovi uffici di via Crescenzio. ')}

Articoli correlati

Melinda su Rai1 nella serie tv “Bella da morire” supporta la strategia multimediale firmata da Nadler Larimer & Martinelli

01 Aprile, 2020

Una prima tv su un tema importante come quello del femminicidio: dal 15 marzo, per...

Continua a leggere

Parte la nuova campagna Canali&C

01 Aprile, 2020

Canali&C, l'agenzia di marketing e comunicazione con sedi a Reggio Emilia, Milano e Udine, ha...

Continua a leggere

Ainem, in collaborazione con AIDA Partners, promuove “Inspiring Words”: il significato e l’impatto cognitivo-emozionale di cento parole e concetti del tempo del Covid-19

31 Marzo, 2020

Ainem (Associazione Italiana Neuromarketing), in collaborazione con AIDA Partners, ha deciso di promuovere il progetto...

Continua a leggere

Taste of Europe: l’Europa che incontra il mondo ha la firma creativa di Coo’ee

31 Marzo, 2020

Dopo 3 anni si conclude Taste of Europe, il progetto cofinanziato dalla Comunità Europea e...

Continua a leggere