News / attualità

29 Settembre, 2023

In un’epoca in cui la comunicazione svolge un ruolo cruciale nella nostra società, riconosciamo l’importanza fondamentale del benessere dei lavoratori della comunicazione. Oggi presso l’Università Cattolica di Milano è presentato il Rapporto annuale sul mercato del lavoro nel settore della comunicazione italiana, frutto del lavoro condotto da UNA, Associazione delle agenzie di comunicazione italiane, in collaborazione con il Master in Digital Communications Specialist di ALMED, Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

UNA e ALMED hanno rilevato che il benessere dei lavoratori della comunicazione è un aspetto che tende spesso a passare in secondo piano, mentre il focus è più sulle notizie, la pubblicità, le strategie di marketing e le campagne di comunicazione. Tuttavia, è essenziale ricordare che qualunque sia la natura della comunicazione, questa si alimenta del lavoro di persone dedicate che seguono tutto il suo percorso, dalla ideazione al rilascio al pubblico attraverso il canale più adeguato. Proprio per questo, UNA è attenta non solo alla qualità della comunicazione in Italia, ma indaga e raccoglie periodicamente il punto di vista delle persone vivono e creano questo settore produttivo ad altissima concentrazione creativa e consulenziale, per comprenderne lo stato di benessere.

“Oggi più che mai è importante cogliere i segnali preziosi che il mercato del lavoro della comunicazione italiana offre per dare alle aziende un benchmark e note di contesto importanti che consentano di sviluppare e trattenere talenti”, afferma Marianna Ghirlanda, Direttore del Centro Studi UNA. “La ricerca presentata oggi con ALMED ha rilevato dati importanti che speriamo possano essere una bussola per il settore per l’anno a venire”.

La ricerca indaga un campione composto in particolare da Millennials (72,4%) e da over 45 (22%).
Secondo i risultati, le aziende della comunicazione italiane vivono un ambiente di lavoro inclusivo e collaborativo, dove le persone possono contarel’una sull’altra. Oltre l’80%, infatti, ritiene di poter contare sui colleghi in caso di difficoltà. Sebbene sia un ambiente in cui le donne rappresentano la maggioranza della forza lavoro, si evidenzia un dato di percezione più basso di 8 punti rispetto ai benchmarkdi riferimento di GPTW, che diventano 16 nel campione femminile.

Restano, inoltre, alcune criticità all’interno dei board, nonostante si rilevi una maggiore presenza rosa rispetto a molte altre realtà e industry italiane, in base al precedente osservatorio e in confronto con il panel GPTW: la diversità percepita nel management è un aspetto più critico per le donne, che per il 24,1% si dichiarano in disaccordo contro il 16,9% degli uomini. L’inclusione rispetto all’orientamento sessuale, origine etnica e disabilità è percepita come compiuta, ma non ancora sul fronte del genere, culturalmente più esposto ai carichi e alle responsabilità connessi alla famiglia.
Il work-life balance rappresenta uno dei punti più critici: sono meno della metà i lavoratori della comunicazione che percepiscono la propria azienda impegnata a incoraggiarlo, con una significativa disparità tra piccole realtà molto virtuose e medio-grandi aziende (51-200 addetti), con un divario di genere: sono il 54,6% gli uomini che riconoscono l’impegno dell’azienda in tal senso, contro il 43,5% delle donne, una percentuale significativamente inferiore. Questo è un tema molto sentito dalle giovani generazioni, in particolare della fascia 25-34 anni. Le società di consulenza hanno una percezione meno positiva in termini di supporto al bilanciamento tra lavoro e vita personale, rispetto alle grandi aziende, dove i ritmi di lavoro e gli strumenti messi a disposizione sembrano aiutare di più le persone nel trovare un proprio equilibrio.

Il settore è percepito come un ambiente stimolante in termini di proattività e confronto, atto alla valorizzazione, ma che di compenso non è adeguatamente remunerato. La percezione di una retribuzione equa è una nota dolente abbastanza condivisa anche dalle aziende dell’osservatorio di GPTW, ma è un tema particolarmente caldo per il settore, specialmente in rapporto alle grandi aziende. A dimostrarsi marcatamente più insoddisfatte sono le donne, in disaccordo con l’equità della retribuzione per il lavoro svolto il 46,6% della componente femminile rispetto al 34,8% dei colleghi maschi.

Le principali aree di opportunità che rendono il settore della comunicazione attrattivo sono la valorizzazione del contributo dei singoli, la fiducia nel management e la chiarezza del percorso di carriera. Punto positivo per il settore, espresso da lavoratori con una permanenza che non supera i tre anni di carriera un lavoratore su quattro, tendenzialmente al di sotto dei 34 anni. Ciò sottolinea la criticità delle aziende della comunicazione nel garantire la realizzazione del potenziale delle persone e rappresentare un percorso di carriera soddisfacente con buone prospettive per il futuro.

Nota positiva per l’ambiente di lavoro delle agenzie di comunicazione, caratterizzato dalla valorizzazione di un atteggiamento proattivo, riconosciuto da oltre l’80% degli intervistati, e dalla diffusa percezione di poter affrontare argomenti potenzialmente conflittuali sia nel team sia con i superiori. Un altro punto vincente del settore è la diffusa sensazione di essere apprezzati per il proprio lavoro e impegno.

“La industry della comunicazione italiana punta fortemente sui giovani, ma non possiamo negare che il divario generazionale esista e debba essere gestito non solo dal settore, ma anche dalle istituzioni, dalle aziende, dalle agenzie. E, soprattutto, dai giovani stessi”, spiega Davide Arduini, Presidente di UNA. “Come associazione, sentiamo la necessità di dare un segnale, una risposta forte affinché venga valorizzato il contributo che i giovani possono dare al sistema e al settore. Infatti, a breve, ci saranno diverse novità, tra cui l’inclusione di un giovane rappresentante nel contesto del nostro Consiglio Direttivo”.

Osservatorio del Lavoro 2023

Articoli correlati

Dentsu rafforza il reparto strategico in area Creative e annuncia l’ingresso di due nuovi Strategy Director

27 Maggio, 2024

Niccolò Rigo, Chief Strategy Officer di Dentsu Creative: “Oggi serve un modo di pensare diverso,...

Continua a leggere

Tanqueray N°TEN E DDB Group Italy brindano con un aperitivo da dieci

24 Maggio, 2024

Tanqueray N°TEN, gin ultra-premium del portfolio Diageo, si è affidato a DDB Group Italy per...

Continua a leggere

ADD DESIGN e Devmy organizzano Coderful, l’evento per developer che mancava al Sud Italia

24 Maggio, 2024

Tutto pronto per l’edizione zero di Coderful. Il 28 giugno, a Catania, tredici speaker d’eccezione...

Continua a leggere

Rete! In arrivo la terza edizione dell’evento dedicato al networking promosso da UNA all’IBM Studios a Milano

23 Maggio, 2024

Gli IBM Studios di Milano in Piazza Gae Auelenti saranno ancora una volta il teatro...

Continua a leggere