News / attualità

18 Ottobre, 2016
Women run the show è il titolo del nuovo progetto di responsabilità sociale creato da Samsung in collaborazione con Telefono Rosa e con il Patrocinio del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, proprio per sostenere il recupero psicologico delle donne che hanno alle spalle una storia di disagio sociale e familiare e facilitarne il reinserimento nella comunità e nel mondo del lavoro. L’iniziativa, presentata oggi a Milano con la première ufficiale dello spot realizzato dalle sue protagoniste, nasce anche con l’importante obiettivo di sensibilizzare tutti a combattere la violenza fisica e psicologica che una donna può trovarsi a subire all’interno delle mura domestiche, violenza che distrugge da tutti i punti di vista sia le vittime dirette, sia i loro figli.





Un fenomeno, questo, che non può essere ignorato, perché in crescita in tutto il mondo e anche nel nostro Paese, dove oltre il 70% delle donne lo percepisce come uno dei problemi sociali più rilevanti, secondo solo alla disoccupazione. In Italia sono oltre 6 milioni le donne che hanno subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza, numero che rappresenta circa il 31% delle donne tra i 16 e i 70 anni. In genere sono i partner (attuali o ex) che commettono le violenze più gravi: il 62,7% degli stupri è commesso infatti da un partner attuale o precedente. Se si considera che molte di queste donne hanno figli, nel corso degli anni è cresciuta la percentuale dei bambini che hanno assistito ad episodi di violenza sulla propria madre, con effetti devastanti sulla loro modalità di socializzazione e di comportamento futuri (Fonte: dati ISTAT, Giugno 2015).





Women Run The Show è la prima campagna di comunicazione firmata da Samsung e Leo Burnett, in collaborazione con il Telefono Rosa, contro la violenza domestica, che ha permesso a 10 donne vittime di riconquistare la propria indipendenza.





Samsung ha offerto loro dei corsi di formazione professionale in linea con le loro passioni, e l’opportunità unica di pensare, realizzare ed interpretare il nuovo spot del Telefono Rosa che vanta la co-regia d’eccezione di Maria Sole Tognazzi.





Words è, infatti, il primo spot firmato Telefono Rosa pensato, realizzato ed interpretato da donne che hanno subìto violenza domestica. Per la prima volta, il messaggio sociale nascosto dietro lo spot viene lanciato dalle vittime in persona.





Guarda il video





40” in cui 10 donne interpretano loro stesse nelle situazioni più quotidiane e comuni, parlano tra loro creando una ripetizione di labbra in movimento.





Le donne ridono, sono felici, si intuisce che per una donna parlare è un gesto quotidiano e indispensabile.





Il messaggio finale arriva come un pugno nello stomaco: è proprio quando non parlano che dovresti ascoltarle. Un messaggio sociale forte, che si pone l’obiettivo di sensibilizzare tutti a riconoscere i segnali che una donna vittima di violenza domestica mostra in pubblico, perché riconoscere il problema è il primo passo per aiutarle.





“Le pagine di cronaca ci ricordano quasi quotidianamente come la violenza sulle donne sia un fenomeno purtroppo ampio e diffuso anche nel nostro Paese. Cresce però la consapevolezza da parte delle donne che questo genere di comportamento sia un vero e proprio reato e, allo stesso tempo, si afferma la volontà di volere uscire da relazioni violente e pericolose. Negli ultimi 5 anni, infatti, è cresciuta dal 6,7% all’11,8% la percentuale delle vittime che denuncia i propri aggressori, un segnale importante e fondamentale per combattere questo problema sociale,” spiega Mario Levratto, Head of Marketing and External RelationsSamsung Electronics Italia. “Con Women Run The Show vogliamo promuovere un progetto che aiuti in modo concreto un numero sempre maggiore di donne vittime di violenza che vogliono ricominciare a vivere e contribuire ad accrescere l’attenzione di tutti gli italiani nei confronti di questo tema tanto importante. Ci auguriamo quindi che molte altre aziende possano unirsi a noi in questa battaglia.”





"Siamo convinte che questo progetto rappresenti un modello assolutamente innovativo. Abbiamo sempre detto che con le donne vittime di violenza, l'accompagnamento e un percorso personalizzato e accurato, fossero elementi fondamentali per il loro reinserimento nel mondo del lavoro. Ed è proprio il ritorno alla loro autonomia economica che spesso suggella l'uscita definitiva dalla spirale della violenza. Samsung ha voluto affrontare questo Progetto, con il coraggio di chi si cala completamente nella difficile realtà della violenza sulle donne e della violenza assistita (ossia quella subita dai loro figli, testimoni degli abusi). Selezioni, bilancio di competenze formazione, tutoring e un percorso motivazionale a fianco delle nostre psicologhe e delle nostre avvocate, per arrivare poi alla parte finale del collocamento al lavoro. Questa la strada indicata da Women Run The Show e che oggi può dire di avere segnato un nuovo modo di sostenere le donne vittime di violenza. Siamo onorate e felici di aver potuto mettere la nostra trentennale esperienza a fianco di un gigante della modernità come SamsungElectronics" commenta Gabriella Carnieri Moscatelli, Presidente di Telefono Rosa.





Credits:





Agenzia: Leo Burnett Italia


Executive Creative Directors: Francesco Bozza, Alessandro Antonini


Creative Director: Marco Viganò


Art Director: Giulia Papetti


Copywriter: Anita Giavoni Merlin


Brand Leader: Bruno Borsetto


Account Director: Carlotta Piccaluga


Account Executive: Paolo Rolla


Junior Account Executive: Maurizio Cambianica


Producer: Gaia Fusaro, Giulia Linguanti


Senior Digital Project Manager: Andrea Castiglioni


Social & Content Manager: Raffaella Ramondetti


Social Media Manager: Vittorio Bettoni


Community Manager: Sabrina Santoro


Casa di produzione Documentario: Mug Film


Regista Documentario: Serena Corvaglia


Casa di produzione Spot: Anele/Mug Film


Co-Regista Spot: Maria Sole Tognazzi


Musica Spot: Words Don’t Come Easy eseguita da Lubjan ')}

Articoli correlati

Melinda su Rai1 nella serie tv “Bella da morire” supporta la strategia multimediale firmata da Nadler Larimer & Martinelli

01 Aprile, 2020

Una prima tv su un tema importante come quello del femminicidio: dal 15 marzo, per...

Continua a leggere

Parte la nuova campagna Canali&C

01 Aprile, 2020

Canali&C, l'agenzia di marketing e comunicazione con sedi a Reggio Emilia, Milano e Udine, ha...

Continua a leggere

Ainem, in collaborazione con AIDA Partners, promuove “Inspiring Words”: il significato e l’impatto cognitivo-emozionale di cento parole e concetti del tempo del Covid-19

31 Marzo, 2020

Ainem (Associazione Italiana Neuromarketing), in collaborazione con AIDA Partners, ha deciso di promuovere il progetto...

Continua a leggere

Taste of Europe: l’Europa che incontra il mondo ha la firma creativa di Coo’ee

31 Marzo, 2020

Dopo 3 anni si conclude Taste of Europe, il progetto cofinanziato dalla Comunità Europea e...

Continua a leggere