News / attualità

01 Febbraio, 2017

Take ha ideato e prodotto uno spot con la coppia di attori e autori Ale e Franz per promuovere la ricerca sulla sindrome di Rett.

Si tratta di una malattia genetica che colpisce una bambina su 10mila, e che ne interrompe lo sviluppo psicomotorio dai 18 mesi di età. Dopo un primo periodo di vita normale, le piccole affette dalla sindrome perdono quasi tutte le abilità acquisite senza riuscire più a parlare, a usare le mani e spesso anche a camminare. Questo significa che rimangono per sempre nella condizione di bambine.

Il video mostra, attraverso gli occhi di un genitore, l’impatto di questa malattia. Il tema ha accompagnato Ale e Franz anche nel loro spettacolo in tour in questi mesi.

“Con questo video, semplice e diretto, abbiamo inaugurato la collaborazione pro bono per Pro Rett Ricerca, l’associazione fondata da genitori di bambine e ragazze affette da questa sindrome – dichiara Marco Di Marco, Ceo di Take – Il nostro piano di comunicazione integrato prevede sia un’attività editoriale social sia fund raising online e offline, con l’obiettivo di sensibilizzare su questa malattia e favorire la ricerca”.

Guarda il video ')}

Articoli correlati

Promomedia porta dem supermercati al World Children’s Day

29 Maggio, 2024

DEM Supermercati aderisce in qualità di main partner, alla Giornata Mondiale dei Bambini che si...

Continua a leggere

Different porta in TV Valigeria Roncato lanciando un nuovo format di brand, in occasione dei 50 anni dell’azienda.

28 Maggio, 2024

“50 anni sono più di un traguardo, sono la tappa principale di un percorso straordinario...

Continua a leggere

UNA torna con l’Open day dedicato ai professionisti della comunicazione di domani

27 Maggio, 2024

Novità di quest’anno: UNA Career, portale di recruiting per trovare offerte di lavoro Martedì 11...

Continua a leggere

Dentsu rafforza il reparto strategico in area Creative e annuncia l’ingresso di due nuovi Strategy Director

27 Maggio, 2024

Niccolò Rigo, Chief Strategy Officer di Dentsu Creative: “Oggi serve un modo di pensare diverso,...

Continua a leggere