News / attualità

19 Giugno, 2023

Unieuro ha affidato a Paolo Crepet la direzione scientifica della ricerca che ora è diventata un Libro Bianco; è disponibile in forma totalmente gratuita, in modalità data free, ossia senza la necessità di fornire alcun dato personale per accedere al download

– PubliOne, agenzia di comunicazione integrata, con sedi a Milano, Forlì e Napoli è lieta di annunciare che Unieuro ha presentato lunedì 12 giugno u.s., al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, il libro bianco “Schermi Futuri. Generazione Z e social fra legami liquidi e nuove comunità”, nato dall’Osservatorio Schermi Futuri per indagare e comprendere il rapporto tra la tecnologia e le persone.

Unieuro, leader del mercato Consumer Electronics italiano, è da sempre schierata a favore di un utilizzo responsabile della tecnologia e molto attenta alle abitudini dei ragazzi e ai fenomeni che accompagnano l’età evolutiva. Da anni, infatti, con il progetto #cuoriconnessi – la cui organizzazione è affidata a PubliOne fin dalla sua nascita nel 2016 –  ha scelto di informare e sensibilizzare centinaia di migliaia di studenti insieme alla Polizia di Stato sul tema del cyberbullismo.

Unieuro affianca quindi a #cuoriconnessi, l’Osservatorio Schermi Futuri, il progetto di analisi che vuole supportare, tramite la ricerca scientifica, la comprensione di tutti quei fenomeni che l’innovazione porta con sé fornendo una fotografia reale degli avvenimenti che spesso, in maniera silenziosa, impattano sulle persone nella loro avventura alla scoperta dell’infinito potenziale che la tecnologia porta con sé.

Il progetto per questa prima ricerca è stato guidato, in veste di direttore scientifico, dal dott. Paolo Crepet. Psichiatra e sociologo, esperto di dinamiche giovanili, oltre all’attività clinica, da sempre si dedica alla divulgazione dei temi di crescita e relazione attraverso libri, tv e stampa. Le interviste sono state condotte da Ipsos su un campione di circa 1.200 ragazzi di età compresa tra i 14 e i 19 anni attivi sui principali social media (Facebook, Instagram, YouTube, TikTok, Twitch e Twitter), attraverso sondaggi via web e interviste face-to-face online. Dall’analisi condotta sui comportamenti e sulle auto-percezioni che gli zedder hanno di sé sulle piattaforme sono state identificate otto comunità, con denominazioni evocative di altrettanti stati d’animo o sensazioni.

L’Osservatorio Schermi Futuri si completa con un decalogo dedicato a educatori, genitori e insegnanti. Un modo concreto per supportare, tramite la ricerca scientifica, la relazione con tutti quei fenomeni che le nuove forme di socialità portano con sé.

Il Libro Bianco è disponibile per il download gratuito su schermifuturi.com

Articoli correlati

Headshot S.r.l. diventa partner in comunicazione di W82

16 Aprile, 2024

Il noto brand di abbigliamento sceglie HEADSHOT per il design del sito web insieme al...

Continua a leggere

Con Serviceplan prende vita il progetto A2A Live Logo

16 Aprile, 2024

Quale modo migliore per raccontare l’impegno di A2A nel prendersi cura dell’ambiente, dell’acqua e dell’energia...

Continua a leggere

Fkdesign e Leoales: nuova partnership per orientare le imprese in percorsi di sostenibilità

16 Aprile, 2024

Fkdesign, agenzia specializzata in posizionamento, identità e comunicazione di marca, e Leoales, società benefit di...

Continua a leggere

“From Vineyards to Icons”: Hangar Design Group accompagna la storica Cantina Allegrini in un percorso di riposizionamento strategico

15 Aprile, 2024

La collaborazione tra l'agenzia e il produttore della Valpolicella nasce per supportare la nuova governance...

Continua a leggere